Nunzia Alemanno

Durante la spasmodica attesa di vedere pubblicato il mio romanzo ho pensato bene di fare incetta di romanzi fantasy di altri autori esordienti italiani per due semplici ragioni: la prima per rendermi conto di cosa offrisse il panorama italiano, insomma la concorrenza; la seconda per capire se il livello del mio scritto potesse in qualche modo essere all’altezza degli altri.

Ebbene, il primo capitolo della saga Il dominio dei Mondi: L’egemonia del drago è stato uno dei primi romanzi che ho acquistato su Amazon e letto tutto di un fiato rimanendo stupito dalla fluidità della narrazione, dalla originalità della storia e dalla caratterizzazione dei personaggi. Insomma, dopo aver letto questo libro ho pensato che forse era meglio non fare paragoni, ogni scrittore ha il suo stile e che avrei dovuto continuare a leggere gli autori fantasy italiani perché mi sarebbe piaciuto che anche gli altri autori mi leggessero e parlassero di me.

Come avrete capito il libro mi è piaciuto fin da subito; l’autrice riesce a districarsi con eleganza tra i molti protagonisti in un mondo parallelo a quello in cui viviamo, utilizzando continui flash back, creature leggendarie come draghi e unicorni e la giusta dose di magia. L’inizio cattura immediatamente l’attenzione e la fantasia del lettore, poi il romanzo procede con un po’ di lentezza fino ad esplodere nel momento in cui tutti i tasselli vanno finalmente al loro posto. Anche l’epilogo si è rivelato all’altezza delle aspettative.

In conclusione, adesso che è uscito il secondo capitolo, sono proprio curioso di conoscere cosa abbia da raccontarci Nunzia Alemanno!

egemonia-draghi

Karl Overgaard è un brillante bambino di appena sei anni. Vive a Silkeborg, in Danimarca, insieme alla madre, Karen e la nonna, Amanda. In seguito ad alcuni strani avvenimenti (la voglia dietro la nuca che, inspiegabilmente, inizia a sanguinare e l’orrenda visione di un drago fuori dalla finestra della sua camera), Karl all’improvviso e misteriosamente, scompare.
L’ispettore Johan Kallen si prende carico delle indagini, ritenendo Karen, a causa degli strani disturbi psichici che la affliggono, la sospettata principale per la scomparsa del bambino.
Il destino di Karl è legato a quello di Ambra, una giovane fanciulla di Castaryus. Qui, in questo piccolo mondo disperso nella galassia di Ursantia, subiranno la persecuzione di Elenìae, una maga perfida e spietata dai poteri illimitati che brama al dominio assoluto. Per conquistare tale supremazia, la sanguinaria strega dovrà distruggere l’onnipotente divinità di Castaryus, il Drago, che governa su tutti i popoli da più di duemila anni. Ed è così che Elenìae dà inizio alla caccia di coloro che potranno rendere possibile il suo spietato sogno di potere. Le prede sono i cuori pulsanti del bambino e della giovane Ambra, da immolare durante un rito sacrificale. Anche la voglia sulla nuca di Ambra aveva cominciato a sanguinare, proprio come avvenne al piccolo Karl prima della sua scomparsa. Che cosa può accomunare due persone appartenenti a due mondi cosi diversi e così lontani?
Intorno a loro ruotano le vicende di re, maghi e forti guerrieri, storie d’amore che appassionano, avventure che lasciano senza fiato. La disperazione condurrà una madre alla follia (è veramente pazza? O è divenuta cosciente di quel mondo in cui il figlio è stato trasportato e vuole andare a tutti i costi a riprenderselo) e non mancherà l’impegno di coloro che, per proteggere Ambra e il piccolo Karl, non si risparmieranno nella lotta mettendo in gioco la propria vita.

Booktrailer: https://www.youtube.com/watch?v=PnmxKJJqg5s

L’ANGELO NERO

angelo neroNunzia Alemanno alza il tiro. Devo ammettere che mi ha sorpreso perché mi aspettavo tutt’altro. Invece, nel sequel con appena venti anni di scarto dalla fine della perfida Elenìae, il lettore si trova proiettato in un mondo contemporaneo inquinato dalle vicende accadute a Castaryus. Un inizio un po’ in sordina, più volte ho pensato dove volesse portarmi l’autrice, mi sembrava di andare alla deriva senza trovare un filo diretto con quanto letto fino a quel momento e nel libro precedente. Poi, tutto comincia a incastrarsi e le pagine scorrevano molto più velocemente in un vorticare di emozioni. Ho molto apprezzato come l’impatto della magia di Castaryus e del drago nel nostro mondo sia stato descritto senza sbavature. Nonostante il crescendo di colpi di scena ed emozioni ho trovato un po’ troppe descrizioni che hanno appesantito la lettura; inoltre avrei preferito un auto-conclusivo come il primo capitolo della saga, perché questa volta Nunzia ci lascia proprio a metà!

Link di Amazon: L’Angelo Nero

Erano trascorsi vent’anni da quando quest’incubo fu dissolto. Vent’anni, da quando il rischio di uno schiavismo planetario fu scongiurato. Vent’anni, da quando si festeggiò la vittoria e si pensò che il male non sarebbe più tornato. In passato fu nonna Amanda a scoprire, attraverso la lettura del racconto, ciò che suo nipote stava affrontando in una terra lontana e oggi, riprendendo la lettura del manoscritto, Amanda scopre una realtà sconcertante. L’incubo non è finito e la vita del suo adorato Karl, oggi quasi trentenne, è ancora in pericolo.

 

 

 

 

 

Annunci