Simona Trivisani

simona-trivisaniQuattro ragazzi che hanno in comune solo un sogno si incontrano nella città di Roma, dalla quale vengono catapultati in un mondo sconosciuto attratti da un profumo di fiori. un viaggio avventuroso li porterà a scoprire loro stessi ed a fidarsi l’uno dell’altra incondizionatamente. Alla ricerca di un potere primordiale tenteranno di far nascere una nuova sovrana direttamente dalle stelle affinché possa portare pace e prosperità. un testo di semplice lettura ma dai profondi concetti morali, destinato ad un giovane pubblico.

Dopo una pausa dettata dagli impegni, ecco una nuova recensione per un’autrice tutta da scoprire!

Ho conosciuto Simona grazie al suo interessante blog https://amepiaceleggere.blogspot.it, ben curato, dove viene dato spazio a molti autori esordienti italiani sia come recensione di libri sia come intervista all’autore. Conoscendola meglio ho scoperto anche il suo lato artistico e mi sono ritrovato tra le mani il suo romanzo fantasy per ragazzi “L’immagine del mio sogno”. Un libro che si legge tutto di un fiato, perfetto per rilassarsi e sognare a occhi aperti.

Ho molto apprezzato la prima parte, sviluppata intorno a un’idea originale che incuriosisce il lettore fin dalle prime pagine. Quattro giovani protagonisti, ragazzi normali, a loro modo speciali, intrecciano le loro vite apparentemente slegate tra loro. Più volte mi sono domandato cosa si sarebbe inventata Simona per portare avanti la storia e raramente mi è capitato di rimanere sorpreso come è accaduto con questo libro. La parte centrale porta la storia in un’altra dimensione; la curiosità lascia spazio all’azione e alla magia, un’avventura nell’avventura. La conclusione non è affatto scontata, anzi, il colpo di scena inaspettato arriva al momento giusto. Forse è la parte un pochino più lenta ma solo perché ero troppo impaziente di sapere come andava a finire.

Simona scrive bene, molto bene. Si può apprezzare il grande lavoro svolto dall’autrice sopra il testo. Mai banale, linguaggio semplice e scorrevole che trascina il lettore al centro della scena. I protagonisti sono ben caratterizzati e non puoi fare a meno di sviluppare un legame con loro.

Che altro dire, sono rimasto soddisfatto ed è una storia che ti rimane dentro, ti lascia qualcosa ho continuato a rimuginarci sopra anche dopo averlo finito e questo credo che sia il complimento migliore che un lettore potrebbe farmi, quindi spero che anche Simona lo apprezzi.

Volete conoscere un difetto?

E’ troppo breve 🙂

Blog di Simona Trivisani: A me piace Leggere

Pagina Facebook: Le Ali d’argento e L’immagine del mio sogno

Link su Amazon: L’immagine del mio sogno

 

Annunci