Umberto Cavazzini

AAA Libertà Cercasi: Amalgama multiforme di pensieri liberi e discutibili sedimentati negli anni

Link su Amazon

Quarta di copertina:

Le mie idee di verità e libertà sono molto sfaccettate e atipiche: sono fondate sulla riflessione costante nei confronti del mondo attorno a me – che è in costante evoluzione; insieme a ciò, fondendosi con un’analisi storica, si sviluppa un atteggiamento mentale libero e decondizionato, sviluppatosi nel corso dei secoli, che permette una consapevolezza e una piena identità grazie alle quali possiamo vivere una vita molto più intensa e degna di essere chiamata tale. Questo libro è la mia critica sociale e mentale, ma è anche un sogno che spero si avveri; è quindi un compagno di viaggio che ti scorterà tra le porte dell’inferno e del paradiso – quelli terreni; è una valvola di scarico che prende forza dai bellissimi insegnamenti trasmessi dai grandi pensatori della storia. Sei pronto a mettere in gioco il mondo delle tue convinzioni, a regalarti il privilegio di poterle scardinare e concederti infine la possibilità di sentirti più vivo di come ti senti ora?

AAAliebrtà cercasi

Ringrazio l’autore per avermi dato la possibilità di recensire questo libro, un lavoro complesso alla ricerca della libertà personale nel mondo moderno attraverso pensatori del passato e riflessioni personali dell’autore. Una critica sociale condita da una ricetta della felicità, un saggio di base filosofica che ho avuto il piacere di leggere e con il quale confrontarmi interiormente. Ma facciamo un passo indietro; il libro è articolato in tre sezioni: “Critica globale – Il rigetto atto al cambiamento necessario”, “Etica e animo – Serenità, felicità, evoluzione ed espressione personale” e “La trascendenza nella storia – Il sunto della saggezza in una visione coerente”. Se devo essere sincero l’inizio mi ha molto spaventato, un insieme di concetti difficili da mandare giù e talmente soggettivi che pensavo di non arrivare in fondo. Troppi spunti, troppe situazioni da definire. E’ un percorso impegnativo che affronta temi di grande attualità e soprattutto molto controversi e delicati. L’autore si mostra in tutta la sua trasparenza, direi quasi nudo di fronte al lettore, riportando aneddoti personali senza alcun filtro. Si vede fin da subito il coraggio di scrivere esattamente il proprio pensiero senza preoccuparsi delle conseguenze in tempi dove la critica feroce, l’apice del fanatismo e la crocifissione mediatica sono all’ordine del giorno. All’inizio si potrebbe pensare a un atto di arroganza da parte dell’autore, una perseverante sfrontatezza, invece con lo scorrere delle pagine si evince la maturazione della persona di Umberto, il voler mettere nero su bianco le sue sudate riflessioni, le amare conclusioni a cui è giunto durante anni di studio e di cocenti delusioni personali. Il tutto potrebbe sfociare in una deprimente fotografia della realtà moderna, ma lo scrittore va ben oltre; nonostante tutto, trova la forza per tracciare la strada verso la felicità, verso un mondo migliore. Un’impresa titanica ma non impossibile e Umberto ci lascia con questo messaggio di speranza che ci rende tutti un pochino più ottimisti e propositivi. Potrei fare un paragone usando il motto di Obama: “Yes we can”, almeno io ho voluto interpretarlo così, dal momento che questo libro ti fornisce gli strumenti per riflettere e soltanto chi riflette e agisce in base alle proprie riflessioni può cambiare, anche se di pochissimo, il mondo attuale.

 

Annunci