Beatrice Clerici

I Guardiani degli spiriti:

Ecco una ragazza (Beatrice Clerici) che mi ha intrigato con il suo blog e booktrailer dedicato al libro: I Guardiani degli Spiriti, un paranormal fantasy che rispecchia il mondo giovanile moderno. Un romanzo divertente e a suo modo originale che ho letto con piacere. Ammetto che l’approccio alla lettura da parte mia è stato un po’ titubante, credo che sia il primo libro di questo genere che abbia mai letto, però Beatrice è stata molto brava a catapultarmi subito nella storia e poi la curiosità, lo stile scorrevole e gli intrecci tra i vari personaggi mi hanno preso per mano e guidato rapidamente alla fine della storia.

guardiani-spiriti

Leila Cavriani è una ragazza sulla trentina con un carattere forte e un lavoro che adora. Aspira a far crescere la sua carriera ma vuole anche una famiglia. Peccato che un incidente d’auto mandi all’aria i suoi piani per il futuro. È proprio a causa di quest’incidente però se scopre che il mondo in cui vive non è affatto come credeva: Leila è infatti una Camminatrice. La sua realtà viene presto stravolta: come se non bastasse il fatto di doversi adattare ai suoi nuovi poteri, allenarsi duramente e imparare a sopravvivere ai Divoratori, deve anche avere a che fare con Lucas, un sexy Guardiano deciso ad ignorarla. Le cose non saranno facili per Leila, che deve anche portare sulle sue spalle il peso di un destino più grande di lei…

Insomma, brava Beatrice, adesso voglio leggere il seguito quindi sbrigati a pubblicarlo e in bocca al lupo! Qui di seguito vi lascio una breve recensione che ho postato su Amazon.

5,0 su 5 stelle

a chi piace l’urban fantasy un libro da non perdere!

DaCliente Amazonil 10 agosto 2016

Acquisto verificato

Nonostante non sia il mio genere ho acquistato e letto questo libro incuriosito dal booktrailer. L’inizio è subito con il botto, la trama avvolge fin dalle prime pagine trascinando il lettore in un mondo che potrebbe svolgersi parallelamente alle nostre vite. Il risultato finale è una buona storia che ti spinge a non smettere di leggere e i personaggi sono molto ben caratterizzati. Unica pecca che ho notato, ma credo che sia molto soggettivo, è l’utilizzo di un linguaggio ed espressioni un po’ troppo giovanili, più adatte ad un copione di un film che a un libro. Ad ogni modo l’autrice lascia spazio ad un seguito che, quando uscirà, sarò curioso di leggere.

Annunci