Scrivendo si impara

IMG_0124

Sketch eseguito a ROMICS da Daniele, mi sembrava carino finire l’anno con un Drak’on 🙂

Buongiorno marmaglia! Oggi vi propongo un articolo auto-celebrativo… no dai scherzo, vorrei soltanto utilizzare questo spazio per fare un bilancio dell’anno appena trascorso e una serie di buoni propositi per l’anno nuovo. Questo 2017 è stato innovativo per molti aspetti:

  • Prima volta che presento il mio libro IL SIGILLO DI AETHEREA in una libreria insieme a Riccardo Capecchi. Era il 9 Febbraio ed è stato tutto ripreso, a questo LINK potete vedere il video.
  • Prima volta che ho rescisso un contratto con una casa editrice. Come ben sapete IL SIGILLO DI AETHEREA pubblicato da Campanila, prima edizione, non verrà più stampato una volta esaurite le scorte. Per chi volesse approfittarne prima che il libro venga ri-editato e pubblicato come seconda edizione con I.D.E.A. vi ricordo che ne ho ancora parecchie copie in super offerta che aspettano soltanto una nuova casa e avidi lettori. Contattatemi se siete interessati.
  • Prima volta che ho partecipato a una VIDEO-RECENSIONE grazie a Mariano Lodato, l’Ignaro Lettore. Libri Riflessi raccoglie i pensieri di tre blogger che hanno letto e recensito un libro, sotto l’astuta direzione dell’Ignaro Lettore e di Teresa Bonaccorsi. Libri recensiti finora: SEGUI LE MOSCHE (Barbara P. Baumgarten) LINK YOUTUBE e L’IMMAGINE DEL MIO SOGNO (Simona Trivisani) LINK YOUTUBE (ancora da inserire).
  • Prima volte che ho pubblicato un ebook in self-publishing su Amazon KPD. Infatti IL RITORNO DEI BERSERKER come ebook è attualmente disponibile a 2,99 euro o scaricabile gratuitamente con kindle Unlimited a questo LINK.
  • Prima volta che ho partecipato a un contest formato da gruppi di autori, blogger, illustratori, editori e book-trailer maker… sì parlo del 2500rockmore contest che ha portato alla creazione del racconto VAMPIRLA.
  • Prima volta che ho pubblicato con Immagina Di Essere Altro. IL RITORNO DEI BERSERKER cartaceo è infatti uscito a Ottobre 2017 ed è stato subito un grandissimo successo, grazie anche all’entusiasmo della bellissima nuova famiglia editoriale IDEA. Ecco qui il LINK di acquisto suggerito.
  • Prima volta che ho partecipato come autore a un evento fieristico come ROMICS a Ottobre 2017. Fantastica esperienza leggi  a questo LINK il resoconto completo.
  • Prima volta ho scritto un racconto, racconto selezionato dal Grimorio del Fantastico per il suo primo numero uscito esattamente il 22 Dicembre. Questa rivista dedicata a H.P. Lovecraft è scaricabile gratuitamente a questo LINK. Ringrazio Nico Menchini, Emanuela Navone, Tania Dejoannon e la bravissima illustratrice Marika Michelazzi, che hanno trasformato “L’infanzia Perduta” in un racconto completo e godibile anche esteticamente.
  • Per la prima volta ho presentato un autore esordiente, Luigi de Rosa e la sua Maledizione di Bes alla Libreria Salvemini di Firenze. A questo LINK potete vedere la registrazione della presentazione.
  • Prima volta che partecipo ad un’iniziativa benefica per l’associazione Auser. Grazie a Ema Angione per questa opportunità che ha ispirato il mio racconto fantasy a tema natalizio “Il sacco Magico e la scopa di Saggina” pubblicato nel libro “Ogni giorno è Natale” disponibile su Amazon a questo LINK. Perché non lo acquistate e donate un sorriso anche voi a questi bambini?
  • Ahhhhh e per non farsi mancare niente, la prima VIDEO RECENSIONE ad opera di Vittoria Agostinelli di IL RITORNO DEI BERSERKER, fresca fresca (23 Dicembre, oggi!). Potete vederla a questo LINK.

Buoni propositi per il futuro?

  1. Far uscire IL SIGILLO DI AETHEREA seconda edizione, pubblicato da IDEA
  2. Partecipare a Cartoomics (Milano) e altre fiere
  3. Scrivere altri due-tre racconti degni di pubblicazione
  4. Raggiungere 1000 LIKE nella pagina Facebook L’era della luna rossa
  5. Promuovere un GIVEAWAY
  6. Iniziare a scrivere il terzo e ultimo romanzo della trilogia L’Era della Luna Rossa.
Annunci

Fiestaaaa

Oggi sono così emozionato che sembro un galletto al primo appuntamento. Per celebrare l’avvicinarsi alla conclusione del contest #2500rockmore e la vittoria del TEAM Arancini e Zibibbo ho organizzato una grigliata coi fiocchi. Purtroppo, a volte gli imprevisti rischiano di rovinare tutto. Sconfortato prendo il telefono e compongo il numero.

Tuuu… tuuu… tuuu… Uffa non risponde mai quella lì, tuuu… tuuu… click, qualcuno o qualcosa ha risposto!

“Pronto? Pronto? Veronica sono Pietro mi senti?” Uno sbadiglio mi accoglie senza troppo entusiasmo.

“Veronica svegliati sono io, Pietro, quello buono, non quella sottospecie di fiore! Oh che dormi sempre?” La sento sbuffare infastidita.

“Sai Pietro, cavalcare i draghi stanca…” Ridacchia soddisfatta.

“Veronica! Possibile che sempre lì vai a cavalc… ehm parare? Stammi a sentire, abbiamo un problema. Stasera salta tutto, questo tempo è un disastro e non si può braciare”.

“Uff Pietro, sei sempre il solito pessimista, ho già inviato il Drago-Taxi per prelevare Mariano e Teresa;e per la pioggia tranquillo le ali dei miei draghi ci manterranno all’asciutto, l’ho soprannominato il Dra-Zebo…” Si rende conto della scemenza appena detta, almeno ha il buongusto di rimanere in silenzio. Lascio perdere.

“Ma come faranno in groppa al drago, si bagneranno come dei pulcini?”

“E che gliene frega a loro, tanto hanno altro per la testa quei due, non se ne accorgeranno neppure”. Il tono menefreghista non lasciava spazi a dubbi, la stavo perdendo, potevo captare i ferormoni impazziti all’altro capo del telefono. Provo a distrarla.

“Non ho sentito Emanuela, sai se viene?” La butto lì con nonchalance.

“Sì, sta correggendo per l’ennesima volta il percorso del treno, dovrebbe arrivare in tempo”.

“Bene, e il Venditti?” Domando speranzoso.

“Antonello? Poeraccio, quello è in brache di tela, tutti lo cercano per cantare e nessuno compra le sue opere, è disperato e con un fastidioso mal di gola”.

“Ah ecco, ora mi spiego questo tempo di merda! Digli di abbozzarla di cantare o gli cavo le corde vocali!” Mi restavano poche domande lo percepivo chiaramente; sbuffi di impazienza svaporettavano dal cellulare.

“Se vuoi che venga fagli il biglietto del treno, tanto poi ti si rendono dal monte premio del contest”. Aggiunge lei serafica, tanto si sa, facile fare i generosi con i soldi degli altri.

“Sì come la spesa per la grigliata…” aggiungo sconsolato.

“Ah proposito Pietro! Ricordati i cinghiali per i miei cuccioli!”

“Cavolo me ne sono dimenticato, ora sguinzaglio quelli dell’impero, ce n’è uno che quando sente odore di cibo non lo ferma più nessuno!”

“Ah…” silenzio che non prometteva niente di buono. “Non sarà quella specie di Obelix senza treccine che fa colazione con lardo e fagioli? Guarda che se mangia i bocconcini per i miei draghi poi quelli si scofanano Mariano, fo pe dittelo!”

“No no tranquilla, sta facendo dei corsi di auto-controllo, ora è tutto preso dal disegnarsi fiorellini sulle unghie, quando non caccia è come un agnellino. Ti aspetto tra poco… Veronica? Veronica?” Niente da fare, c’era solo da sperare che facesse in fretta.

L’atmosfera è allegra nonostante la pioggia fitta. Lo zibibbo scorre a fiumi e gli arancinI preparati da Teresa per antipasto sembrava non finire mai. I draghi mantengono il fuoco acceso e fungono da riparo in modo impeccabile, eccetto per alcune loffie causate dallo spuntino selvatico; fastidiose ma tollerabili almeno quanto la presenza dei membri del team impero sdraiati sotto il tavolo a sgranocchiare un paio di ossa sputate dalle creature di Veronica.

“Certo quelli dell’impero si sono ridotti proprio male…” Emanuela li indica ridendo con chicchi di riso di arancino che schizzano da tutte le parti.

“Ehi vacci piano con l’alcool Emanuela! Siamo solo all’antipasto, se ci collassi non vorrai mica lasciare le sarsicce e la rosticciana buona a quelli dell’impero?” Si intromette Mariano versando Zibibbo come se non ci fosse un domani.

“Sì vabbè, forse l’unico che si salva è quello nuovo, maremma impestata non mi viene il nome, eppure è in tutti i gruppi nemmeno il prezzemolo…” Antonello si sforza di farsi sentire ma si vede che sta soffrendo.

“Pietro lo conosce sicuramente, ma adesso è dietro alla ciccia. Ehi, ma non è quello lì nell’angolino che si sta grattando le pulci? Ma lo sapete che la bulla a quello lì gli fa gli occhi dolci?” aggiunge Veronica maliziosa.

“Sieee, quello gioca ancora con gli star wars dell’esselunga, altro che con la Katana e la bulla”. Risponde pratica Teresa. “A proposito” prosegue, “portate qualche pannocchietta al fochista che sono ottime quest’anno”.

“Ma dove sono finite le pannocchiette?” Emanuela le stava cercando ovunque, “mi sa che sono sparite come al loro solito!”

“Ah ah ah saranno a giocare a nascondino nel microonde”, Antonello non sa cantare molto bene, almeno ogni tanto riesce ad essere divertente. Io intanto continuo a grigliare ascoltando tutti i loro discorsi con il sorriso stampato sulla faccia. Non ricordo quanti cacchio di bicchieri di zibibbo mi avesse versato Mariano, so soltanto che stavo pomiciando con una delle draghesse di Veronica quando la voce della capitana mi riporta alla realtà. “Pietroooo vieni a mangiare!” Mollo la dragonessa che non la prende tanto bene, ma almeno la sua sfuriata finisce di cuocere la bistecca.

“Arrivo, arrivo…” mi approssimai barcollante con la ciccia.

“Dicevamo Pietro…” Mariano mi abbraccia commosso, “ormai manca poco al nostro trionfo, ci stavamo proprio chiedendo che fine avesse fatto la capitana dei bulli”.

“Quale? Quella che si scalcinava i denti con una spada di di terza mano?”

“Sì sì proprio lei!” Interviene Emanuela.

“Credo sia ancora in ospedale perché la lama le si è incastrata tra i denti, mi sa che non gliela fa per la fine del contest”. Rispondo ridendo. Nel frattempo Mariano continua a versare e io comincio a vedere i mostri.

“Guardate” urlo saltando sulla sedia, “Cosa sono quegli esserini brillanti che sciamano sui nostri avanzi?” I miei compagni si guardano straniti, capisco che qualcosa non quadra.

“Mariano smetti di versare lo zibibbo a Pietro, non lo regge, apri un brunello e sentiamo cosa ha da dire”. Teresa sapeva quando era il momento di tirare fuori… i gradi. Dopo mezza boccia di brunello finalmente ricomincio a ragionare. Vedo Antonello davanti a me, sta dipingendo qualcosa su una tela. Strizzo gli occhi, ecco cos’erano quegli affarini, e io che mi ero Immaginato Di Essere Altro e che i Krilli fossero stati clonati dopo l’estinzione! Anche gli altri dedicano le loro attenzioni al dipinto.

“Bello ma…” Inizia subito Emanuela, “dovresti correggere sto sbaffo qui e lì vedi? Il colore è troppo acceso”.

“Secondo me tra le due, meglio quando riempi il Foro Italico con la tua musica…” Solo l’intervento di uno dei suoi draghi riesce a salvare Veronica da un destino infausto. Dopo almeno una boccia di zibibbo Mariano calma Antonello e possiamo tornare a ragionarci.

“Ma non lo vedete che è un quadro modernista!” Intervengo a gamba tesa, io che non so la differenza tra un quadro e, boh quanti tipi diversi di quadri si possono fare? L’urlo di Munch mi sembra Teresa quando ha finito il ragù per gli arancinI.

Mentre Antonello rantola a terra sbavando dalla bocca, Mariano apre gli occhi e smette di versare Zibibbo urlando: “La tarapia tapioca con lo scappellamento a destra vuol dire solo due parole: vice, inferno”. Poi di colpo si spenge. Ci guardiamo spaesati e non avendo niente da dire ci facciamo un altro cicchetto. Intanto Antonello si è appena ripreso dalla scoperta della mia immensa cultura artistica e, con dito tremulo indica il dipinto.

“Forse ha visto la Madonna!” Dichiara Teresa come se nulla fosse, inghiottendo una costina intera, osso compreso. Non dico niente, tanto ormai siamo a fine cena e lei sembra aver apprezzato la ciccia toscana.

“Ma no dai, quelle sono ali, al massimo è un grifone”. Provo a concentrarmi sul dipinto per non pensare alla fame di Teresa che risolverebbe il problema della fame nel mondo.

“Ma che dici Pietro, non vedi che manca il bordino verde?”

“Hai ragione, Veronica” annuisco, “Antonello, ma che cavolo hai disegnato? Non si capisce niente!” Il buon Venditti mette via il coltello con cui stava misurando le vene del polso e, con il volto cinereo, cerca di spiegarci.

“E’ quello che rimane degli Angels dopo l’esorcismo di Mariano! Mi ha sciupato il disegno quel fetente!” Sentendosi nominare Mariano inizia ad avere millemila tic, allora Teresa che lo conosce bene inizia a cantare: “Ammazza la vecchia… Ammazza la vecchia…”

Mariano esplode gettandosi sul tavolo gridando “Chi ha sterminato i… chi ha sterminato i…” ma non ricordandosi il nome del team intrappolato nel rebus da lui creato alza le spalle e si tracanna quel che rimane dello zibibbo.

“Ragazzi direi che è ora di andare, i miei draghi hanno un altro impegno” dichiara Veronica fresca come una rosa alle sei della mattina. Ormai erano alcuni minuti che il cellulare vibrava senza sosta e aveva palesemente altri impegni…

“Sì anche noi dobbiamo tornare, prima però ti diamo una mano a rimettere a posto”. Teresa non si smentisce proprio mai.

“Ma di che! Gli avanzi li finiscono quelli dell’impero e per il resto…”

“C’è Mastercard?” Domanda Emanuela seria come un esattore delle tasse.

Rido e batto due volte le mani. Quel che rimaneva del team dei bulletti sbuca dal nulla vestito in smoking e inizia a rassettare tra gli applausi dei miei compagni.

Mi avvicino a salutare tutto il team, anche se con tre settimane di anticipo, abbiamo festeggiato come si deve la vittoria sicura del #2500rockmore contest.

Benvenuti in…

Questa settimana siamo arrivati alla puntata numero 8 di #2500rockmore organizzato da Scrittori e Lettori Fantasy. Un percorso che ci sta accompagnando da poco più di 2 mesi e che ha creato delle belle amicizie, ormai la chat del contest viene utilizzata più per sparare boiate che per parlare del racconto (tanto ormai abbiamo vinto). Per questo articolo si è proposto Mariano con la collaborazione fondamentale di Teresa. Già perché il momento della pubblicazione del racconto si sta avvicinando ed è giusto che i nostri esplosivi autori prendano in mano la situazione e ci conducano nel meraviglioso mondo che è la loro immaginazione. Mariano, il nostro pignolissimo Lodato, è davvero riuscito a mettermi in difficoltà con questo articolo inviandomelo per posta insieme a questo messaggio: “Pietro io voglio vedere come lo introduci questo”. Eh beh, ci credo, praticamente è un articolo con tanto di prefazione, corpo centrale e degna conclusione, e io, povero blogger non posso fare altro che riportarvelo in toto sperando di non averlo sciupato con queste righe. Buona lettura a tutti e se vi venisse voglia di partire subito non potrete che avere la mia comprensione (io ho già comprato i biglietti).

Abbiamo scollinato, il #2500rockmore si avvia lentamente verso la sua conclusione. Vi abbiamo presentato l’evento; vi abbiamo parlato degli altri sei gruppetti in gara; vi abbiamo fornito delle chicche circa i componenti del nostro Team; vi abbiamo fornito le prove storiche della nostra predestinazione al gradino più alto del podio. In tutto questo tempo, però, non vi abbiamo ancora spiegato perché proprio “Arancini e Zibibbo” e non “pizza e fichi”, per esempio. Quando Jordan River chiese di dichiarare le compagini, con i compiti assegnati a ogni elemento del gruppo, soddisfeci tale richiesta in modo più che professionale: mancava però il nome del Team. Teresa, la nostra capitana, propose di utilizzare la prelibatezza che aveva appena finito di preparare: gli ArancinI (che, per inciso, ancora non si è decisa a preparare con le proprie mani, per poi condividerli con i propri compagni di squadra). L’accostamento con il vino tipico di quella stessa terra è stato praticamente immediato e naturale.

Da quel nome ha quindi preso forma anche lo spirito che ha unito e che sta accompagnando l’avventura di Teresa, Pietro, Emanuela, Antonello, Veronica e del sottoscritto. Lo spirito che si viene a creare stando a tavola con amici di vecchia data; quello stesso spirito capace di farti trascorrere ore spensierate (o anche a far baldoria se si esagera con lo Zibibbo), magari parlando delle meraviglie di quella terra da cui è stato tratto il nettare che si sta sorseggiando, o che ha dato vita alla ricetta di quelle deliziose palle (o coni) di riso.

Passare quindi da una meraviglia all’altra è ogni volta un attimo. Immaginarsi sulla piazza di Castelmola, con lo sguardo che si perde sullo scorcio dello Ionio sottostante;

Castelmola-11

Foto pubblicata su http://borghipiubelliditalia.it/project/castelmola/

perdersi con la fantasia mentre si percorrono i viali della suggestiva Villa Belvedere di Acireale;

acirealevillabelvedere1.jpg

Foto pubblicata su http://www.fantafonda.it/citt%C3%A0/acirealeluoghii.asp?id=7

passeggiare per i sentieri della pineta di Nicolosi, ai piedi di Sua Maestosità l’Etna,

pinetanicolosi

Foto pubblicata da https://www.etnatracking.com/pineta-monti-rossi-nicolosi#tab-5

oppure sulla splendida sabbia nera della spiaggia di San Giovanni Li Cuti, a Catania;

Borgo-di-Catania-San-Giovanni-Li-Cuti1

Foto pubblicata su https://www.paesionline.it/italia/spiagge-catania/la-spiaggia-nera-di-san-giovanni-li-cuti

rivivere la storia attraverso i resti dell’anfiteatro romano,

catania-1769045_1280.jpg

Foto presa da Pixabay

o toccare con mano la vastità della flora presente nell’orto botanico, sempre a Catania.

1200px-Orto_botanico_di_Catania_101145

Foto presa da Wikipedia

Molti, arrivati a questo punto, si staranno chiedendo il perché di questa divagazione: lo farei di sicuro anche io, trovandomi dinanzi a un articolo del genere. Chissà, magari un motivo sensato, con un po’ d’impegno, lo si potrebbe sempre trovare anche in questo mio vaneggiamento.

Scherzi a parte, mi premeva rendervi partecipi delle sensazioni che Teresa, attraverso le sue descrizioni, è stata capace di trasmettere solo descrivendo quei luoghi. Di quanto possa essere d’ispirazione, in tutte le forme dell’arte, una terra come quella sicula, capace di coniugare acqua e fuoco nella medesima veduta d’insieme; capace di far apprezzare le proprie specialità gastronomiche mentre si ammirano le sue bellezze storiche e architettoniche. Posti così caratteristici che potrebbero essere presi come sfondo ideale per qualsiasi tipo di storia creata dalla mente umana.

A nome del Team, in definitiva, vi invito tutti a seguirci, anche solo con la fantasia, per le viuzze dei borghi e delle cittadine a est dell’Etna fino alla conclusione del #2500rockmore.

Un banchetto a base di Arancini e Zibibbo sarà sempre pronto ad accogliervi alla fine del tour. Lo spirito goliardico che ci contraddistingue sarà ogni volta il leitmotiv del banchetto a cui vi accoglieremo sempre col sorriso sulle labbra, nonché con la battuta sempre pronta per poter ridere assieme.