Pochi ma…

16603055_10154383695840847_8193342450494509855_n

Vi siete persi l’emozione di questo imperdibile evento? Non preoccupatevi! E’ stato registrato in diretta e potrete riviverlo qui su YouTube in tutte le sue sfumature 🙂

Io odio le presentazioni… Come mi accoglieranno? cosa si aspettano che porti o che faccia? Ci sarà gente? Che tipo di pubblico? I miei amici risponderanno presente anche se in orario lavorativo? Il mio irrinunciabile e fido “presentatore” riuscirà ad esserci nonostante la bimba (nonché mia figlioccia e nipote) malata? Tutte queste domande mi frullavano in testa da stamani, anzi da stanotte, visto che la piccola peste ha deciso di necessitare dei coccolini del padre e di prendermi a testate fino alle 3 di notte. Arrivo alla libreria Salvemini e accolgo con angoscia la notizia di aver comunicato ai miei contatti l’orario sbagliato… mezz’ora, che volete che sia, peccato che all’ora stabilita e scritta sulla locandina non c’era cognato, né amico a sostenermi. Panico… e se non viene nessuno? Ci sono tre persone che si aggirano impazienti nella sala, e se per aspettare perdo le uniche tre presenti?

Io amo le presentazioni… perché i titolari della libreria mi hanno subito messo a loro agio, prosecco in frigo e dolce per chi sopravviverà all’evento. Perché quando stai per annegare tra le preoccupazioni, spunta il sorriso e la stretta di mano di un “amico di penna”, una persona conosciuta tramite un’amicizia comune, venuta lì per te, solo per conoscerti e regalarti il suo libro con tanto di dedica. Sì perché questa persona è un dottore, ma anche scrittore esordiente e ha da poco pubblicato il suo primo libro  giallo “Il Filetto al Curry” strappando così il mio primo sorriso della giornata. Per citare Ungaretti “M’illumino di immenso” quando mio padre e mia sorella mi raggiungono insieme a Riccardo Capecchi (alla faccia della privacy, ma tanto andremo in mondo visione eh eh eh), il mio presentatore. Quando poi le tre persone si stabilizzano sulle sedie nonostante il ritardo, comincio a rilassarmi. Lentamente arrivano anche gli ultimi e tra qualche sola anche delle bellissime sorprese  (o conferme) come il mio fratellino (anche se parecchio più grosso di me), Carolina (direttamente dalla Curva Fiesole) e il mitico Masito (da avvocato a fan sfegatato)!

Io adoro le presentazioni… perché nonostante la giornata umida e ventosa che ha limitato l’afflusso alla libreria, l’atmosfera era gioiosa. Perché Mauro si presenta con il pc e propone di registrare la presentazione che, udite e udite, finirà su YouTube e potrete sorbirvela tutta 🙂 Perché Riccardo è bravo, bravissimo; calamita l’attenzione del pubblico, pronuncia le giuste parole nella corretta sequenza come fosse una armoniosa sinfonia. Ogni volta lo ascolto rapito, quasi non mi rendo conto che sta parlando di me e del mio libro: Il sigillo di Aetherea. Vengono toccati i vari argomenti, improvvisiamo, ci divertiamo a raccontare senza rivelare, a evidenziare i pregi della trama e a minimizzarne i difetti. Andiamo avanti per quasi venti minuti e poi iniziano le domande, domande serie, precise, dettagliate. Un batti e risposta con il pubblico che è volato via insieme ai minuti. Senza rendercene conto avevamo sforato il tempo eppure, eppure ci è stata chiesta la lettura di un brano. Riccardo non aspettava altro, apre il libro e sceglie una pagina abbastanza significativa. Riccardo non legge, interpreta e mi fa venire la pelle d’oca da come riesce a rendere vive e vibranti le mie parole. Osservo il pubblico, è rimasto a bocca aperta, pendeva dalle sue labbra. Hanno chiesto un altro brano e Riccardo li ha accontentati. La presentazione è finita a prosecco e dolce e mi dispiace del ritardo perché alcuni sono dovuti scappare e non ho avuto modo di ringraziarli a modo, spero che leggano questa pagina e si riconoscano in queste righe.

In conclusione, pochi ma… ottimi! Sono uscito da questa esperienza arricchito, non economicamente si intente, ma culturalmente sì: ben tre libri! Il giallo menzionato prima, un fantasy di un’autrice italiana consigliato da una persona del pubblico e una raccolta di poesie regalato da Isabella, una gentile poetessa 🙂 Niente male vero?

Ho lasciato alcune copie del romanzo alla libreria Salvemini, se e quando ascolterete la registrazione dell’evento vi verrà voglia di acquistarlo, Il Sigillo di Aetherea è là che vi aspetta!

foto 1-7.JPG