A che punto sono?

Buonasera gente, è da un po’ di tempo che latito e oggi torno con un articolo particolare. Ormai sono più di tre anni che ho pubblicato il primo romanzo del ciclo di storie epic fantasy auto-conclusive L’Era della Luna Rossa e mi sono fatto un bel bagaglio di esperienze sia nella promozione che nel contatto con i lettori. Spesso mi è capitato di spammare a più non posso nei millemila gruppi letterari su Facebook, su Goodreads, Twitter e adesso perfino Instagram con qualche successo (superati i 500 like alla pagina Facebook) e tante frustrazioni. Ho condiviso recensioni di blog letterari, video recensioni, discussioni e presentazioni dei miei libri; a volte alcuni estratti che hanno stimolato spunti di riflessione e hanno portato perfino a qualche collaborazione per migliorare il testo. Uno dei miei personaggi più misteriosi, Bjorn, è perfino diventato un meme ad opera della blogger Debora Parisi… oddio che risate, povero Bjorn eh eh eh. Quindi più passa il tempo più diventa difficile riuscire a farsi conoscere ed apprezzare da lettori che non ti conoscono per passaparola o per amicizia personale e lo spam selvaggio diventa controproducente. Allora mi sono chiesto: quando apro i social e vedo pubblicità su pubblicità che cosa mi stimola a cliccare su una certa pagina, a vedere cosa scrive un autore o il contenuto di un articolo? Trascurando argomenti sportivi e di interesse professionale devo ammettere che le pubblicità più apprezzate sono quelle divertenti, gli articoli di blogger invece sono quelli che potrebbero aiutarmi a crescere oppure libri che per un motivo o per un altro sono interessato a comprare… insomma confesso che su mille spam ne aprirò dieci. E allora perché dovrei aspettarmi di essere letto? Perché le persone che non mi conoscono dovrebbero cliccare su questo articolo, spulciare il blog o la pagina Facebook e addirittura comprare e leggere i miei libri? Se le recensioni di blog imparziali non sono sufficienti a conquistare la fiducia di una fetta essenziale di lettori cosa potrebbe esserlo?

Ho quindi pensato di condividere in questo articolo la prefazione a cura di Claudia Cintio, editor e primo lettore del romanzo Il Ritorno dei Berserker. Poi, magari, senza andare troppo nei dettagli, mi sono immedesimato nel lettore “normale” e perché no, condividerò qui anche l’indice dei due romanzi. Ogni capitolo è intitolato e senza spolverare troppo potrebbe stimolare l’interesse di qualche lettore! Che ne dite è stata una buona intuizione? Ai posteri l’ardua sentenza.

Prefazione a cura di Claudia Cintio

Le tradizioni dei generi letterari sono molto importanti, come le consuetudini sociali, ci hanno aiutato e ci aiutano a crescere. Preservare ciò che c’è di buono nelle tradizioni è molto importante ma portare, all’interno di qualcosa che si vede, si vive, si legge spesso, qualcosa di nuovo, fresco e moderno è altrettanto fondamentale.

Siamo “animali sociali”, definizione che a me piace molto, rubata per l’occasione a diversi filosofi degli ultimi duemila anni, e inquanto tali siamo portati a comunicare, a esprimerci in modo sempre attuale portando però un pò di quella tradizione insieme a noi; modifichiamo e apportiamo miglioramenti al nostro modo di esprimerci, sempre.

Pietro Ferruzzi è un esempio lampante di questo miglioramento, una persona che vuole comunicare in modo, straordinariamente attuale, concetti, emozioni e stati di aggregazione partendo dalla tradizione del genere “epic fantasy”.

Leggere Pietro Ferruzzi vuol dire non fermarsi all’apparenza del testo, non limitarsi a vedere ciò che è ovvio, ma interagire con un mondo di personaggi che hanno piccole cose da insegnare a tutti.

Buona lettura, di cuore.

Claudia Cintio

 

Il Sigillo di Aetherea è un po’ più corposo ma è stato fatto un grande lavoro di editing per risistemare il formato e renderlo più scorrevole

Il Ritorno dei Berserker scorre che è un piacere.

Cosa aggiungere? Spero di avervi messo una piccola pulce nell’orecchio e di aver toccato la curiosità anche in chi non mi conosce!

Annunci

Una settimana da incubo

Questa appena trascorsa è stata in assoluto la settimana più difficile ed emotiva della mia vita. Lo posso dire senza alcuna ombra di dubbio. Andiamo con ordine perché gli argomenti sono tanti, alcuni prettamente personali, altri di dominio pubblico.

Il mio piccolo guerriero aveva un intervento importante fissato per Venerdì 2 Marzo, ricovero previsto Giovedì 1 Marzo, chiaramente nella settimana più fredda degli ultimi 10 anni con tutti i disagi che questo ha comportato. La settimana da incubo infatti è cominciata con la pianificazione della logistica. Tenere a casa il piccolo uragano per evitare contaminazioni; cognati in arrivo da Milano; sorellina asilo sì o asilo no; nevicherà? Dove andiamo a dormire che se nevica ci vuole lo slittino per scendere a Firenze? Insomma già le preoccupazioni non mancano per un intervento alla testa, aggiungiamoci poi tutto il contesto. Meno male che a Firenze esiste l’ospedale pediatrico Meyer, il mio 5 per mille non potrebbe essere investito meglio, se non sapete a chi donare il vostro 5 per mille sappiate che i vostri soldi serviranno per aiutare tantissimi bambini e le loro famiglie. logo_ospedale.jpgEcco, scusate lo stacchetto promozionale ma noi al Meyer dobbiamo tantissimo :-).

Comunque, giusto per evitare preoccupazioni inutili, l’intervento è andato bene, ad oggi il mio guerriero porta fieramente le cicatrici di tante battaglie, abbiamo contato i punti e siamo oltre quota 55 accumulati in nemmeno 6 anni! Wooowwwwww, gli ho suggerito di raccontare che è stato uno squalo, o un leone, fa molto più figo e chissà quanto imbrocca. Vabbè dai ridiamoci su perché di lacrime ne ho versate già troppe e il mio cucciolo mi ha insegnato a sorridere sempre.

E questa, nel novero delle brutte cose accadute la settimana scorsa è la migliore visto l’ottima risposta del mio cucciolo e il decorso post operatorio senza complicazioni. Poi però non fai a tempo a festeggiare che ricevi un messaggio sconvolgente. Il capitano della tua squadra del cuore, un giovane di 31 anni, marito, figlio e padre di una bimba di pochi anni ci ha lasciato. Così nel sonno, in silenzio, in punta di piedi. Una persona sincera, speciale come non se ne incontrano molte nel mondo del calcio, un uomo prima di essere calciatore, un uomo che credeva in quei valori che ormai valgono sempre meno per le nuove generazioni. Carissimo Davide, io non ti conoscevo di persona ma rappresentavi tutto quello che di buono era rimasto della mia Fiorentina. Voglio postare questa tua foto, la prima volta che la vidi su un sito della fiorentina (www.fiorentina.it) pensai subito quanta dolcezza e maturità si celava dietro quello sguardo e quel sorriso. davide-astori-ape10 Credo che questa foto catturi molto di te.

Perché?

Che senso ha tutto questo?

Mi dispiace, davvero tanto non poterti più ammirare in campo a difendere i colori della mia città. Grazie per aver scelto Firenze e averci donato una parte di te. Sono profondamente commosso e te ne sei andato soltanto un paio di settimane dopo la scomparsa di un mio coetaneo “I Bella” portato via da un male incurabile sotto gli occhi della moglie e dei due figli piccoli. Una brava persona, un uomo di cuore, proprio come te Davide… Perché? Che senso ha tutto questo? Davide, promettimi una cosa porta un abbraccio al Bella e continuate a proteggere i vostri cari da lassù, noi non possiamo fare altro che trattenere il vostro ricordo nei nostri cuori gonfi di dolore.