Berserker in Fiera

Oggi vi racconto una nuova esperienza in ambito editoriale: i miei romanzi fantasy presentati a Firenze Libro Aperto insieme alla casa editrice Immagina di Essere Altro (IDEA), prima esperienza assoluta anche per loro in una fiera dedicata all’editoria. Unemozione indescrivibile giocare in casa tra i miei concittadini, ma anche ansia da prestazione; volete sapere come è andata? Beh non vi resta che continuare a leggere questo articolo 🙂

Iniziamo per gradi: avendo partecipato all’edizione 2017, come spettatore, mi ero segnato questo evento come possibile tappa per la mia nuova casa editrice IDEA (nel 2017 ero appunto in cerca di una CE noEAP per la pubblicazione dei miei Berserker). Ne ho parlato con i responsabili e tutto sommato hanno deciso di accettare il rischio. Preso dall’euforia del momento, siccome a me piace trasformare qualsiasi cosa in una festa, ho invitato i ragazzi di IDEA a casa mia e ho organizzato una bella grigliata il giovedì sera prima dell’apertura della fiera! Mia moglie, sempre pronta a supportare e sopportare le mie scelte, ha accettato di buon grado e il giorno dopo ha preso bimbi e bagagli, ha salutato la curva e se ne è andata in montagna: “così state tranquilli e non ti devi preoccupare dei bimbi” mi ha detto sardonica con un bacio quando ci siamo salutati… Ah lammmooooreeeee, quello vero!

E mentre i ragazzi IDEA montano lo stand, il padrone di casa prepara la griglia!

Vabbè pensandoci bene non è andata così male, senza i bimbi a casa ho potuto dedicarmi totalmente alla fiera. Venerdì, il primo giorno, non comincia nel migliore dei modi! In fiera c’è un po’ di tensione e molto nervosismo: l’organizzazione non è stata delle migliori, molti errori sono stati fatti e nessuno si è fatto avanti per accogliere le richieste degli espositori, questo ha innescato una scintilla di malcontento generale. Essendo la seconda edizione mi aspettavo di meglio, invece credo che, dato il successo della prima, gli organizzatori si siano fatti prendere un po’ la mano compiendo il passo più lungo della gamba. Fatto è che la fiera su due piani, con corridoi enormi e tanto spazio non occupato non hanno aiutato gli standisti. Venerdì è stata una giornata negativa, poca gente a causa della mancata pubblicità e del sito fuori uso, pochi acquisti, nomi sbagliati sui cartelloni, insomma finita la giornata mi sono quasi sentito in colpa per i ragazzi IDEA venuti da Roma e, visto gli avanzi della grigliata, me li sono portati a cena a casa. Un bel ragù di cinghiale e un paio di salsicce unite a buon vino e qualche bicchiere di grappa hanno riscaldato gli animi e ci siamo salutati con un velo di ottimismo pronti a vendere cara la pelle per il giorno seguente.

La mattina di sabato è iniziata con il freno a mano tirato, però io avevo un altro pensiero fisso: la presentazione dei miei due romanzi del ciclo di storie LEra della Luna Rossa. Ne ho fatte un paio di presentazioni e sono sempre andate molto bene, nel senso che la tensione si scioglie appena inizio a parlare e le persone presenti si sono sempre divertite (almeno così sembrava). Il problema infatti, è la preparazione del tavolo, losservare compulsivamente quelle sedie vuote pregando che presto siano tutte occupate. Come spesso accade in questi casi, un autore ci tiene parecchio al confronto con il pubblico e per quanto uno si sia prodigato per invitare gente e per promuovere levento, la resa dei conti si ha soltanto quando le prime fatidiche parole escono gracchianti dal microfono. Anche in questo caso ci ha pensato lorganizzazione a rendere levento più interessante passando al megafono della fiera messaggi sulle altre presentazioni e non sulla mia. Inoltre, per aiutare un povero autore sconosciuto come me, hanno pensato bene di piazzarmi a un caffè del primo piano quando lo stand IDEA si trovava al piano terra. E che caffè! Caffè Las Vegas, un nome altisonante che mette subito di buon umore stimolando limmaginazione verso un ambiente caldo, accogliente, pirotecnico. Un Caffè col bar chiuso, applausi!

b4bb930d-aa61-4a93-bf28-4b5e3063f73b.JPG

Caffè Las Vegas, un nome una garanzia, si può infatti notare la bellissima atmosfera della saracinesca intrecciata in una danza gioiosa.

Ma la ciliegina sulla torta mi ha lasciato talmente sbigottito da annullarmi: la postazione era occupata da un altro autore e la sua casa editrice. Cioè vi rendete conto, questi avevano piazzato le loro locandine e alle 14 in punto hanno iniziato al posto mio! Fortunatamente, alleviato dalla presenza di qualche amico e di tre ragazze speciali che menzionerò dopo, la mia Editor e Responsabile ha preso in mano la situazione e ha fatto il segno della testa mozzata agli usurpatori del microfono che in fretta e furia hanno sbaraccato l’occupazione abusiva (presentazione durata 8 minuti e 37 secondi, non potete immaginare la scena, talmente assurda e divertente che ancora ci rido).

Con ancora un podi nervosismo aspetto la presentazione di Claudia e le sue domande, a cosa servono sennò le scalette? Peccato che a lei piace improvvisare, dice che rende tutto più autentico, quindi dopo due o tre domande tra quelle che mi aveva inviato, presa da un mia risposta, ha iniziato a usciredalla scaletta, proponendomi domande impegnative. Insomma: una bella spalla eh!? Vabbè, vinta l’iniziale timidezza, mi lancio rispondendo a tono e buttando lì qualche battuta. Quando inizio a parlare dei miei romanzi, come sono nati, cosa mi ha ispirato e come avevo immaginato i miei personaggi o lambientazione delle terre di Oppas e delle razze o creature che la popolano il difficile è limitarsi ed evitare di essere prolisso. Però ho una certa età e qualche trucchetto per mantenere viva lattenzione degli ascoltatori lho imparato. Il pubblico sembrava apprezzare e anche gente lì attorno si fermava per ascoltare. A un certo punto mi è uscito anche del sentimentalismo, però dai, ci stava bene. Ringalluzzito da una platea attenta e partecipe, l’ora a disposizione è volata via leggera, Claudia è riuscita a far emergere molti aspetti legati al mio stile, ai messaggi insiti nelle due storie ed è riuscita a tirare fuori il meglio di me. Alcune persone che non vedevo da una vita sono riuscite a venire e ho apprezzato tantissimo avessero pianificato la visita alla fiera per assistere alla mia presentazione. In questi eventi si fanno incontri fantastici: amicizie virtuale nate insieme alla passione per la scrittura o per il genere fantasy oppure sviluppate con collaborazioni a riviste o semplice scambio di opinioni, diventano finalmente realtà. Dare un volto e una voce a una foto è sempre molto intrigante. Quindi voglio ringraziare Tania, Yali e Isabella per la loro presenza e soprattutto per aver reso la presentazione ancora più interessante. Non sono il tipo da monologhi o da letture di pagine e pagine per riempire il tempo (anzi io a leggere mi vergogno anche), e avere un pubblico partecipe con domande e battute ha reso il tutto molto più piacevole. Per non parlare poi della sorpresa di veder comparire mia sorella con il fidanzato e uno dei miei migliori amici oltre a un collega di mia moglie che aveva già letto i libri; nessuno mi aveva avvertito ed è stata davvero una bella emozione. Come fossi stato un autore famoso, sono sceso insieme al codazzo di persone per il farmacopie allo stand dove i ragazzi di IDEA alle fiere regalano gadget e illustrazioni insieme ai libri venduti. Uno stand pieno di gente attira altra gente e le due ore successive sono state molto soddisfacenti e impegnative.

64b681b1-b39b-448d-a1f7-769331efa3fa

Momento di pausa dopo momento di gloria!

A sera eravamo tutti distrutti e per andare sul sicuro ho proposto di cenare al Rugbier a campo di Marte; sabato sera a Firenze trovare un posto carino senza troppi problemi per il parcheggio e con un buon rapporto qualità prezzo. La cena è stata apprezzata anche dai difficili gusti culinari dei maschietti IDEA (mission impossible) e ci siamo preparati per l’ultimo giorno di fiera.

La domenica mattina, giornata splendida, mi sono trovato bloccato nel traffico di Firenze a causa di “Corri la Vita”, tra l’altro il pomeriggio ci sarebbe stata anche la partita Fiorentina-Atalanta e avevo qualche timore che la fiera rimanesse deserta. Effettivamente non c’è stato il pienone, però abbiamo raccolto i frutti del lavoro svolto nei giorni precedenti dove tante persone si erano fermate a parlare con noi discutendo dei nostri libri e apprezzando il progetto editoriale IDEA. Crediamo così tanto in questo progetto e nella qualità dei nostri prodotti che spesso molti lettori accettano con piacere la sfida di leggerci senza pentirsene. Davvero appagante vedere tornare persone passate allo stand magari un paio di giorni prima, significa avere fatto colpo (applausi per noi). Le ultime ore si sono trascinate stancamente, alla fine ho abbracciato i miei compagni prima di andare a casa, avevano tutto da smontare ma io avevo due bambini da riabbracciare… che bella scusa vero?

Tornando a casa ho ripensato al tour de force appena concluso, ogni volta lo stesso rimpianto: ho girato poco, ho comprato niente, potevo chiacchierare un po’ di più con gli altri autori in fiera… vabbè come si dice, sarà per la prossima e il prossimo appuntamento sarà Pordenone il 17 e 18 Novembre alla fiera Gamecom; lì ci conoscono già da un paio di anni e i nostri lettori ci vengono sempre a trovare a caccia delle nuove proposte o dei libri che ancora non hanno letto.

Ogni fiera ha una storia a sé e va a riempire uno spazio prima vuoto del nostro essere, che dire, non vedo l’ora di riempire il prossimo spazio vuoto!

Nel frattempo che ne dite di mettere un bel like alla pagina Facebook L’Era della Luna Rossa o di seguirmi su Instagram o Twitter?

 

Annunci

CI SIAMO!

Bene, adesso comincia il panico, quello vero, che ti sale dalla bocca dello stomaco, che non ti fa dormire la notte (oltre alle urla dei bimbi e i treni da prendere alle 7 del mattino…), che ti fa sentire sempre inadeguato…

Io sono una persona che ai colloqui viene definita “analytical thinker”, ho i miei schemi mentali e mi piace avere tutto sotto controllo; come una lista da depennare non necessariamente nell’ordine in cui sono state scritte le varie voci. Ecco, adesso mi trovo spiazzato… So soltanto che il libro arriverà alla casa editrice il 16 Maggio, che le copie ordinate mi arriveranno una settimana dopo e che sarà in vendita  dalla fine di Maggio nella libreria di riferimento. Tutto il resto è un grande punto interrogativo!

Allora concentriamoci sulla data del 16 maggio: il libro sarà fisicamente nelle mani dell’editore e, sperando che non ci siano problemi o ulteriori ritardi, potrò finalmente stringerlo tra le mie mani! Quindi, per voi che avete avuto la pazienza di leggere fino a qui, ho una richiesta da farvi e il vostro aiuto sarà fondamentale e non vi costerà assolutamente niente. Potete consigliarmi delle librerie (che non disdegnano il fantasy) da poter contattare tramite un rappresentante della Casa Editrice per la distribuzione del libro? 

Non voglio aggiungere altre richieste, ogni suggerimento è ben accetto e vi terrò costantemente aggiornati sull’esperienza di un Esordiente allo Sbando che è arrivato alla vendita e promozione del suo primo libro! Vi lascio con questa chicca in anteprima: rullo di tamburi… Ecco la copertina del libro L’Era della Luna Rossa: il Sigillo di Aetherea, mi raccomando fatemi sapere se vi piace!

copertina