Pubblicazione 2.0

Non crediate che questo sia un post dedicato all’evoluzione della pubblicazione, per quello abbiamo il self publishing, l’ebook, gli store on line e tutti gli strumenti che internet mette a disposizione, cosa impensabile soltanto qualche decennio fa.

Ebbene, questo titolo è un memorandum soprattutto per me… Un proverbio che calza a pennello è: hai voluto le bicicletta? Ora pedala 😦

Dopo l’odissea del primo libro, con tutta la titubanza di un esordiente in perenne conflitto con la sua proverbiale sicurezza mi ero riproposto di non cascarci più. Sulle ali dell’entusiasmo scaturito da Il Sigillo di Aetherea e dall’ottima risposta dei lettori e grazie ai trucchetti imparati dalla stesura del primo romanzo, ha preso vita il secondo capitolo della saga L’Era della Luna Rossa (titolo temporaneo Il Ritorno dei Berserker). Ho letto e riletto il sequel rivoltandolo come un calzino, ho aumentato il ritmo, l’azione e la complessità della trama. Mi sono affidato a un editor professionista per sottoporre alle case editrici un romanzo “quasi” pubblicabile, evitando i mille passaggi a vuoto (chiamiamole anche figure cacine) che hanno accompagnato Il Sigillo di Aetherea fino al sospirato contratto con la casa editrice Campanila.

Certo non mi sono mai montato la testa, da quando ho iniziato a scrivere mi sono letto decine di autori esordienti italiani imbattendomi in libri di ottima qualità che niente avevano da invidiare a scrittori più blasonati. Quindi ero e sono cosciente che, per quanto maturato stilisticamente e per quanto apprezzato come “cantastorie”, il mio secondo romanzo fantasy avrebbe avuto vita dura e, per evitare troppi sbattimenti e perdita di mesi, ho anche considerato la pubblicazione self. So perfettamente che un autore deve farsi un pubblico per emergere, la qualità non basta più purtroppo, ci vuole anche un grande lavoro di promozione ed il fattore C che non guasta mai! E invece no, mi sono voluto rimettere alla prova inviando il manoscritto a varie case editrici medio grandi e a qualche piccola CE accuratamente selezionata nel campo del fantasy.

E dopo due mesi sono iniziate le prime risposte negative (chi scrive sa benissimo che ricevere una risposta da case editrici medio grandi è una piccola vittoria di Pirro…), alcune indolore, altre che bruciano e che fanno male. Ci sono molti aspetti positivi e ringrazio con tutto il cuore quegli editori che nonostante la mole di lavoro riescono a trovare qualche ora per darti un feedback. Grazie, grazie davvero, anche se la valutazione per la vostra casa editrice è stata negativa adesso ho alcuni spunti per migliorare il romanzo. Io, pensatore dalla mentalità scientifica, mi sono fatto irretire dal Deus ex Machina da me tanto criticato anche in recenti post su Facebook e non me ne ero nemmeno accorto.

Per il resto ho imparato a non buttarmi giù, quello che alcuni considerano uno scempio altri lo osannano, quello che sarà il mio obiettivo da qui alla pubblicazione sarà di trovare il giusto equilibrio tra quello che un editore considera “vendibile”, un classico non banale ma soprattutto qualcosa che rappresenti il mio modo di essere senza cadere in contraddizione con me stesso. Quello che desidero è scrivere un fantasy che mi appartenga, qualcosa che io per primo vorrei leggere e, quando le critiche sono costruttive, queste non possono che fare del bene anche se bruciano, mamma quanto bruciano!

stock-photo-burning-book-on-fire-flames-82974712

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Ci sono ricascato!

Ahi ahi ahi… Ebbene sì, ci sono ricascato! Che significa? Abbiate un momento di pazienza e ve lo spiego, prima però necessito di una “Banata”! Dicesi Banata, quell’esplosione di frasi, parole e sentimenti che prendono corpo in un discorso che parte da un argomento preciso e non si sa bene dove andrà a  finire, così di getto, senza nemmeno prendere fiato! Può essere divertente, logorroico, senza senso o noioso: Banata!

Quindi, tra eventi disastrosi che hanno monopolizzato (giustamente) i social come la tragedia del terremoto nel centro Italia (che mi ha tolto la voglia di scrivere su argomenti superficiali come quelli di questo blog), passando per la campagna pro-fertilità (non commento perché ci vorrebbe un intero blog dedicato…), la “geniale” vignetta satirica sul terremoto che lascia davvero l’amaro in  bocca e tutti gli altri problemi che ci circondano quotidianamente, insomma, tra tutti questi eventi volevo rubare un minuto del vostro tempo per raccontarvi i fatti miei! Ragazzi qui è roba grossa, tenetevi forte e soprattutto non mi menate, ma ci sono delle grosse novità!

Intanto, giusto per addolcirvi la pillola, ecco che è uscita da poco un’altra recensione dal blog Sole & Luna che mi ha commosso (ma allora forse so scrivere davvero? Riesco a trasmettere delle emozioni? Non potete capire la gioia…). Poi, per cambiare completamente argomento, da ieri di nuovo pendolare in quel di Siena, un’occasione strepitosa a cui non ho potuto rinunciare. Al tempo stesso, mi lascio alle spalle un gruppo fantastico (Centro Studi ANMCO e tutti i vari collaboratori) che mi ha accolto, coccolato, supportato e sopportato in questi ultimi nove mesi dandomi la possibilità di crescere umanamente e professionalmente. E’ solo grazie all’opportunità e alle competenze dei miei ormai ex colleghi se ho potuto ricominciare una nuova carriera in una grande multinazionale! Grazie di cuore…

E dopo questa dovuta lacrimuccia con cui saluto calorosamente il Centro Studi ANMCO, la Diabetologia di Torregalli e la Cardiologia dell’Ospedale San Giuseppe di Empoli più tutti gli study coordinator, infermieri e dottori con cui ho condiviso questa fugace ma intensa esperienza, ecco che arriva la notizia che tutti voi stavate aspettando…

Rullo di tamburi… vi prego non strappatevi i capelli e non subissatemi di messaggi, ma… non ci posso credere lo sto per dire…

Sicuri che volete continuare a leggere?

Ebbene sì, è accaduto, forse vi stavate chiedendo che fine avessero fatto alcuni personaggi incontrati nel romanzo “Il Sigillo di Aetherea?” Dite la verità, non riuscivate a dormire per la curiosità? Ecco allora una brevissima descrizione del “sequel”, ma giusto due righe…

Ambientato venti anni dopo, siamo pronti con una nuova avventura (mica posso spoilerare il primo libro!), una storia che si spinge ai confini del mondo conosciuto, che coinvolge creature leggendarie, grandiose battaglie e tanti, forse troppi, colpi di scena! Il Sigillo di Aetherea mi ha fatto crescere come autore e questo nuovo libro sarà meno di formazione e più… TUTTO!

Contenti? Bene, adesso dovrete aspettare un anno o due prima che esca, perché col nuovo lavoro non avrò molto tempo per riguardarlo e purtroppo, mi sa che la mia casa editrice Campanila non ha la possibilità di seguire questo nuovo progetto e quindi dovrò ricominciare tutto da capo 😦 E allora forza e coraggio per trovare una buona Casa Editrice o un progetto editoriale interessante (se avete conoscenze a me non fanno schifo eh eh eh), fare editing etc etc. e speriamo che anche questo romanzo venga apprezzato come il primo!

PS la buona notizia è che saranno almeno 200 pagine in meno 🙂

 

 

 

Felicità!

E’ iniziato come un esercizio mentale, uno sfogo dovuto a un periodo difficile con tante difficoltà e insicurezze da affrontare tutte insieme. Lentamente mi ha preso, si è trasformata, si è evoluta dentro di me e cresciuta con me. Ha succhiato le mie forze come una sanguisuga, ha sottratto tempo alla famiglia, al riposo, ad attività ludiche. Un percorso arduo e fitto di ostacoli; non sapevo dove sarei potuto arrivare, né avrei saputo descrivere quale fosse il mio traguardo. Ci ho messo tutto me stesso, le mie radici, i miei valori e alla fine sono arrivato da qualche parte… La mia meta finale? Assolutamente no! Mai adagiarsi sugli allori, questo l’ho sempre fatto. Adesso viene il difficile, come un giovane sportivo che eccelle nella propria disciplina, una volta che è arrivato in prima squadra deve tenere la testa sulle spalle, concentrazione, lavoro, umiltà e continuare a combattere per mantenersi il posto.

Quando penso alla strada percorsa fino ad oggi mi sento felice, pur sapendo che è soltanto l’inizio, c’è ancora molto da camminare. La felicità è vedere realizzato un sogno, un’idea che diventa tangibile, che si concretizza davanti ai tuoi occhi giorno dopo giorno superando ogni avversità che la vita ti mette davanti. Quando realizzi che hai creato qualcosa di godibile, qualcosa che ti ritorna indietro sotto forma di messaggi di apprezzamento da parte di amici e parenti che non avresti mai immaginato potessero leggere il tuo romanzo fantasy e rimanerne soddisfatti tanto da chiederti se ci sarà un seguito (sì lo so, i commenti non sono attendibili come quelli di un recensore neutrale ma chissene…).

Siccome io sono un eterno insicuro e faccio mille cose con la paura di lasciarle a metà o farle male, ho inviato il romanzo ad alcuni blogger di siti fantasy e recensori e… per adesso, i feedback sono positivi con qualche giusta critica e/o osservazioni. Chiaramente, il fatto di essere uno scrittorie esordiente, permette che vengano perdonate alcune imprecisioni dovute alla inesperienza, però due su due lo stanno leggendo con interesse.

E adesso sono felice perché il mio libro lo trovi in uno store online, anche se con il titolo sbagliato, senza descrizione e con tre settimane di tempo per ottenere la spedizione… speriamo che con Amazon vada meglio.

Per concludere questo articolo dove me la sto gufando da solo, chiederei a tutti voi che in qualche modo avete letto, state leggendo o leggerete Il Sigillo di Aetherea, il favore di buttare giù un commento, anche banale e postarlo sulla pagina facebook del libro e, se ve la sentite, di metterlo come recensione su IBS in modo da aiutare altri amanti del fantasy a capire di cosa si tratta e che Il Sigillo di Aetherea è un libro che vale la pena acquistare anche se scritto da uno sconosciuto!

Vorrei raccogliere tutti i vostri commenti (siate generosi ma le critiche, soprattutto se costruttive, sono molto ben accette) nella pagina “recensioni” di questo blog. Vediamo cosa ne verrà fuori, io intanto incrocio le dita e continuo a scrivere il sequel…

Buona la prima?

Intanto sono sopravvissuto all’emozione, e questo può definirsi un primo successo; poi la location era molto bella e grande con il personale della biblioteca di Pontedera che è stato gentilissimo cercando fin da subito di mettermi a mio agio, e anche questo ha aiutato. Lo stand era ben organizzato con la novità “Il Sigillo di Aetherea” in primo piano, terzo punto positivo.

libri stand.jpg

Passiamo adesso alle note dolenti… Per motivi “familiari” ho potuto fare la presentazione soltanto la mattina alle 11 praticamente come apertura dell’evento e, come immaginato, a parte molti laboriosi studenti, c’erano poche persone che si aggiravano per gli stand. Aggiungiamo un segno meno sul taccuino…

Andiamo all’evento: Massimiliano Bertelli ha presentato la giornata introducendomi e, vuoi perché ero convinto che iniziasse a parlare il relatore (Riccardo Capecchi), vuoi per l’esiguo pubblico che forse un cartonato avrebbe accesso più entusiasmo, mi sono subito incartato passando goffamente la patata bollente a Riccardo che si è dimostrato eccezionale nel gestire la situazione (togliamo altri due punti).

Dopo la sua introduzione all’opera abbiamo continuato in scioltezza con botte e risposte di primo piano, addirittura una domanda dal pubblico (tra l’altro molto pertinente e alla quale ho risposto più che volentieri) e timido applauso finale. E’ bastato cominciare a parlare del libro che l’entusiasmo ha valicato qualsiasi ostacolo, dalla timidezza al dispiacere di non aver avuto molto seguito. Questo lo possiamo definire un punto a favore!  In conclusione, la giornata si è comunque dimostrata positiva, ha messo in evidenza alcune mie potenzialità e vari limiti. Farò tesoro di questa esperienza e per le prossime presentazioni cercherò di colmare al meglio le lacune emerse sabato scorso.

Infine, ma non per questo meno importante, non potrò mai smettere di ringraziare Riccardo per essersi accollato una responsabilità alquanto delicata e anche Filippo Gerola per essere venuto insieme a me da Firenze e aver scattato le bellissime foto che accompagnano questo articolo! Una menzione anche per Giulia, che è stata tutto il giorno allo stand cercando di rincuorarmi per quanto possibile. A tutti voi grazie di cuore.

present 2.jpg

DSC_5004

Un nuovo esordio

E dopo l’esperienza di scrivere un romanzo, di aver trovato una casa editrice che credesse in me, di aver revisionato più volte il libro con la mitica Paola (l’editor), di aver visto nascere e concludersi l’impaginazione e la copertina, le prime dediche e i primi complimenti eccoci anche alla prima… rullo di tamburi… PRESENTAZIONE!

Ebbene sì, sabato 11 Giugno la Biblioteca di Pontedera festeggerà il suo primo anno rimanendo aperta tutto il giorno e la mia casa editrice Campanila parteciperà con uno stand e… nuovo rullo di tamburi… alle 11 presenterò il mio romanzo.

Slide1.jpg

Inoltre… terzo rullo di tamburi… la biblioteca ha acquistato due copie che saranno a disposizione dei lettori, ecco qui il link (Ho appena visto che una delle due copie è in prestito… queste sì che sono soddisfazioni :-))

Ecco il programma completo della manifestazione!

Non posso negare che sono emozionato! Nella mia carriera di biologo ho partecipato come oratore a svariati congressi, soprattutto internazionali, ma questa è tutta un’altra storia! Una cosa è descrivere il tuo lavoro, spiegare i dati che hai prodotto, un’altra è raccontare le tue passioni, l’emozione di vedere prendere forma una idea, una storia, qualcosa che non pensavi nemmeno di riuscire a portare a termine. Non ci saranno diapositive a facilitare il mio compito, l’aiuto da casa non è previsto, non saprei da che parte cominciare per preparare una presentazione di un libro… KEEP CALM AND NO PANIC! Sono convinto che come comincerò a raccontarvi i miei personaggi saprò emozionarvi come mi sono emozionato io a crearli e a vederli crescere pagina dopo pagina!

Insomma, cari amici lettori, se sabato 11 giugno alle ore 11 passate dalla Biblioteca di Pontedera, venite a trovarmi!

E’ ARRIVATO

Ecco la prova tangibile che non è stata tutta una presa in giro, una supercazzola degna del Conte Mascetti o un esercizio di illusionismo!

eccolo!!!!

Il libro è arrivato oggi alla Casa Editrice Campanila; ci vorrà qualche giorno per capire quali librerie in toscana siano interessate e soprattutto completare gli accordi con qualche piattaforma on line. Realisticamente il libro dovrebbe arrivare nelle librerie per la fine di Maggio, nel frattempo cercherò di trovare delle buone opportunità a Firenze per una prima presentazione (non appena avrò il libro tra le mie mani mi attiverò personalmente!), ho già individuato 2-3 librerie/sale che potrebbero fare al caso mio!

Per tutto il resto, se avete bisogno di informazioni di qualsiasi tipo scrivete pure a eradellalunarossa@yahoo.com

oppure

andate sul sito della casa editrice: www.campanila.com

Lasciate un messaggio sul blog…

Oppure pagina facebook!

Insomma da oggi si spamma sul serio!

 

 

CI SIAMO!

Bene, adesso comincia il panico, quello vero, che ti sale dalla bocca dello stomaco, che non ti fa dormire la notte (oltre alle urla dei bimbi e i treni da prendere alle 7 del mattino…), che ti fa sentire sempre inadeguato…

Io sono una persona che ai colloqui viene definita “analytical thinker”, ho i miei schemi mentali e mi piace avere tutto sotto controllo; come una lista da depennare non necessariamente nell’ordine in cui sono state scritte le varie voci. Ecco, adesso mi trovo spiazzato… So soltanto che il libro arriverà alla casa editrice il 16 Maggio, che le copie ordinate mi arriveranno una settimana dopo e che sarà in vendita  dalla fine di Maggio nella libreria di riferimento. Tutto il resto è un grande punto interrogativo!

Allora concentriamoci sulla data del 16 maggio: il libro sarà fisicamente nelle mani dell’editore e, sperando che non ci siano problemi o ulteriori ritardi, potrò finalmente stringerlo tra le mie mani! Quindi, per voi che avete avuto la pazienza di leggere fino a qui, ho una richiesta da farvi e il vostro aiuto sarà fondamentale e non vi costerà assolutamente niente. Potete consigliarmi delle librerie (che non disdegnano il fantasy) da poter contattare tramite un rappresentante della Casa Editrice per la distribuzione del libro? 

Non voglio aggiungere altre richieste, ogni suggerimento è ben accetto e vi terrò costantemente aggiornati sull’esperienza di un Esordiente allo Sbando che è arrivato alla vendita e promozione del suo primo libro! Vi lascio con questa chicca in anteprima: rullo di tamburi… Ecco la copertina del libro L’Era della Luna Rossa: il Sigillo di Aetherea, mi raccomando fatemi sapere se vi piace!

copertina