Disponibile su Amazon

Ecco a voi Il ritorno dei Berserker, pronto da scaricare e accompagnare la vostra estate!

Ulteriori informazioni potete trovarle nella pagina dedicata in questo blog.

E dopo 24 ore dalla pubblicazione, grazie a voi Il Ritorno dei Berserker ha già scalato le classifiche di Amazon ed è stato inserito tra le novità più interessanti!

20525439_10155585570193934_2562102785476975812_n

Che emozione schiacciare quel pulsante con scritto PUBBLICA e ottenere questa schermata in cambio! Schermata 2017-08-02 alle 18.46.15.png

Forza lettori che aspettate a gettarvi in questa nuova fantastica avventura nel segno della Luna Rossa?

Un Nuovo Inizio

Comincia il conto alla rovescia…

Venerdì 4 Agosto uscirà IL RITORNO DEI BERSERKER, secondo capitolo della saga fantasy L’ERA DELLA LUNA ROSSA.

Per adesso godetevi di nuovo la Cover in progress, creazione di Alessandro Grillea

Vi piace? Tra qualche giorno condividerò con voi anche la COVER finale, ancora un po’ di pazienza.

19221533_307163119708831_1014801914402135466_o

L’Editing è stato curato da Claudia Cintio e Jasmine Remor

Revisioni fatte: almeno 4 più il coinvolgimento di quattro beta reader (Fabio Neri, Lauramaria Sprela, Cristina Sprela, Stefano Marguccio)

Come mai un nuovo inizio? Vi avevo già anticipato che a breve sarebbero arrivate delle grosse novità; ebbene dopo un anno dalla pubblicazione di Il Sigillo di Aetherea pubblicato dalla Casa Editrice Campanila, di comune accordo abbiamo deciso di concludere la nostra collaborazione.

Non posso fare altro che ringraziare un’ultima volta Paola Binci (editor), Anna Piccioli (illustratrice), Andrea Falchi (per avermi dato la possibilità di collaborare con Campanila) e Raul di Gioacchino (editore). L’esperienza con voi mi ha fatto crescere moltissimo, un bagaglio che mi porterò dietro tutta la vita. Perché rescindere allora? Purtroppo non sempre gli interessi collimano ed è arrivato il momento di prendere coraggio e investire su me stesso. Sì, proprio così, andare sulle proprie gambe e cercare strade alternative per diffondere la mia storia. Non so cosa accadrà in futuro e molti dubbi e riflessioni sono già stati riportati in alcuni articoli di questo blog: Come diventare famoso in poche mosse , self or not self? Self e pubblicazione 2.0

Il Sigillo di Aetherea è stato il mio romanzo di esordio e, pur non nutrendo molte aspettative e avendo tanta insicurezza, ha avuto un ottimo riscontro tra i lettori con recensioni a 5 stelle, e tantissime attestazioni di stima. Il vostro affetto mi ha dato la forza di portare a termine il secondo libro, sempre auto-conclusivo della saga L’Era della Luna Rossa. Vi spiego cosa accadrà adesso:

Il 4 agosto uscirà la versione digitale su Amazon KDP, pubblicherò in self e vediamo come va, poi a ottobre dovrebbe uscire anche la versione cartacea (avvalendomi della collaborazione di un gruppo di giovani, un gruppo editoriale che ho imparato a stimare collaborando con loro).

E cosa succederà a Il Sigillo di Aetherea? Non vi preoccupate se non lo avete ancora letto, mi sono assicurato le copie rimaste e le venderò personalmente al 45% di sconto come da offerta, e poi seguirà una seconda edizione… Devo ancora decidere la cover e che tipo di revisione fare, però i progetti e l’entusiasmo non mi mancano di certo e spero davvero di crescere ancora insieme a tutti voi!

 

 

 

Self or not self? SELF

Ci ho pensato e ripensato. Ho tessuto e disfatto la tela come Penelope almeno una cinquantina di volte, mi sono dato 3 mesi di tempo in modo da vedere se era cambiato qualcosa nell’ultimo anno, magari, mi sono detto, il fantasy riprende forza. Magari, avendo pubblicato un romanzo di esordio con ottime recensioni di pubblico e blogger avrò la strada in discesa… Illuso. Il mio fantasy è troppo classico per trovare spazio, scritto bene ma forse abbrutendo un po’ il linguaggio, mischiando le carte, facendo sì che dei ragazzi alle prime armi riescano a cavarsela da soli contro forze più grandi e potenti di loro, insomma forse scrivendo tutta un’altra cosa sarebbe stato più facile piazzarlo. Le Case Editrici grandi non investano più su esordienti a meno che questi non abbiano già venduto parecchio come auto-pubblicati, quelle piccole non investono a meno di rientri immediati dei loro investimenti. Nel mio cervelletto (sì, è partito da dietro, lemme lemme), ha iniziato a farsi strada un pensiero e, via via che mi informavo e parlavo con altri autori o addetti ai lavori, questo tarlo ha fatto breccia nella mia già provata pazienza. Ridendo e scherzando io e Stefano Marguccio abbiamo coniato un nome che calza a pennello almeno per il genere di autori che mi rappresenta. SADOWRITER 🙂

In effetti, più mi buttano giù più io mi sforzo di dimostrare che il mio lavoro vale per davvero. Perché tizio vende tanto o ha millemila follower mentre io ne ho raccattati trecento di cui più della metà amici miei? Perché, nonostante le recensioni ottime di blogger e altri lettori non facenti parte della cerchia di amici il libro non vende nemmeno in offerta (più che offrirlo al 50% non saprei che altro fare). I familiari e amici bene o male lo hanno ricevuto e, a parte qualche onesto (in realtà solo 2) “l’ho lasciato a metà, mi dispiace ma a me il fantasy fa c….e” e qualcun altro che non l’ha ancora letto (dopo un anno…), tutti quelli che hanno avuto il coraggio di affrontare le 700 pagine de Il Sigillo di Aetherea se lo sono divorato con tanto di what’s up di complimenti o messaggino su Facebook! Qualcuno, la minoranza per la verità, ha anche scritto una breve recensione. E mi sono ritrovato a mangiarmi le mani e a odiare il passaggio del mio nuovo lavoro attraverso la valutazione delle  case editrici. E fu così che ho iniziato a trovare delle illuminazioni nel fantastico mondo virtuale.

Per primo mi sono imbattuto in Emanuela Navone, nel suo blog si parla anche di come aiutare un autore a scegliere il modo migliore per pubblicare. Alcuni consigli e piccoli passi per tracciare i passaggi fondamentali per decidere come procedere. Certo sono soltanto dei consigli e molti già noti, ma affrontati sotto una nuova luce fa tutto un altro effetto. La botta finale, che ha fatto crollare il castello di carta delle mie illusioni, è stata data da un altro blogger (anche autore) Ivano Mingotti. Leggi lui e sai di non essere la particella di sodio dispersa in acqua che grida “c’è nessuno?” “Soltanto a me capita tutto ciò?” Capisci che forse vale la pena di fare alcuni passi indietro, ma molto indietro, quasi tornare all’origine con due semplici domande:

Perché c…o scrivo? Questa è la DOMANDA! Una volta data la risposta tutto diventa più chiaro. Scrivo forse per diventare ricco e famoso? Naaaaaaa, ammetto di aver avuto qualche sogno a occhi aperti dopo la firma del primo contratto ma adesso so per certo che anche se ne fossi all’altezza, casi come quello di Harry Potter capitano con la stessa possibilità di fare 6 al superenalotto. Allora perché scrivo? La risposta è più semplice di quanto si possa immaginare: Io scrivo perché mi fa stare bene, mi piace, mi rilassa. Scrivo per passione, per lasciare ai miei figli qualcosa di concreto che appartenga a me, frutto del mio ingegno. Benissimo, sotto allora con la seconda domanda: che obbiettivo ti sei posto? Anche qui la risposta è immediata e con Il Sigillo di Aetherea ho raggiunto il mio scopo principale: ho scritto una storia DECENTE che ha riscosso tantissimi commenti positivi e pochissime critiche. Adesso, con Il Ritorno dei Berserker, oltre a confermarmi come autore vorrei raggiungere più lettori possibili.

Avete capito dove voglio andare a parare? No? Allora riformulo: il romanzo di esordio è stato un sogno che diveniva realtà, il secondo libro vorrei che confermasse la realtà, il classico pizzicotto 🙂

E allora, se sono un sadowriter, lo devo fare fino in fondo. E’ per questo che ringrazio moltissimo Astro Edizioni e Francesca Costantino per avermi offerto l’opportunità di pubblicare con loro nella loro nuova collana Astro Esordisco. Inoltre ringrazio di cuore quella casa editrice che senza alcun obbligo ha comunque speso del tempo prezioso per scrivere una valutazione dettagliata con alcune critiche che aiuteranno a migliorare il risultato finale del mio romanzo. Però, dopo aver provato l’ebrezza di pubblicare con una casa editrice noEAP, adesso voglio mettermi in gioco in prima persona, voglio provare la strada della pubblicazione self affidandomi ad un editor di fiducia e a validissimi beta readers. Voglio vedere dove riesco ad arrivare con le mie gambine, mettendo sul mercato un libro fantasy che si perderà nella moltitudine di esordienti ma alle mie condizioni. Un ebook accessibile e low cost e un cartaceo per chi lo desidera.

Vorrei toccare il cuore di più lettori possibili e poi chissà… chi vivrà vedrà 🙂

sorpresa!

Il sigillo di Aetherea è il mio primo libro e questo ormai l’hanno capito anche i muri, ho iniziato senza sapere niente dell’editoria, delle case editrici, di contratti, valutazioni, sinossi e con una biografia di tre righe. Non che dopo 4 anni dalla prima volta che mi sono messo a scrivere abbia percorso molta strada, c’è una bella scalata davanti e so che ce la posso fare, passin passetto, tra un impegno lavorativo e uno familiare… Perché vi sto dicendo tutto questo? Ci arriverò tra pochissimo.

Ho imparato molto e grazie anche a Campanila Editrice che ha portato la mia creature sugli scaffali di varie librerie a Firenze, ho avuto la possibilità di avere più visibilità di tanti altri autori. Poi ci ho messo del mio, cercando di auto-promuovermi sui social, organizzando presentazioni (due…), e sbattendomi in prima persona per far sì che il libro raggiungesse più persone possibili cominciando dagli amici (che non mi sopportano più eh eh eh). Non ho mai partecipato a fiere se non come spettatore a Firenze Libro Aperto, e questa è una mancanza che dovrò colmare prima o poi!

FacebookGoodreadsPenne Matte, questo stesso blog… pensavo che le vendite dovute a questi canali fossero irrisorie e poi vado su http://www.ibs.it e mi leggo questa cosa:

ibs

Cioè? Sono 26 esimo nella CLASSIFICA BESTSELLER di IBS LIBRI? Qualcuno mi può spiegare se si tratta di uno scherzo?

Eppure nella sezione Narrativa Italiana-Fantasy si parla di 2000 e passa libri…

ibs1

Bastano 10 copie cartacee vendute su IBS per essere in classifica al 26esimo posto? Non credo di aver venduto chissà quante copie! Ditemi che non sto sognando o che si tratta di una supercazzola libraria!

54zwjj

Sperando che sia tutto vero e che il libro continui ad andare così bene, non mi resta che godermi questa fantastica sorpresa e continuare a sognare e fantasticare e chissà magari il prossimo libro andrà anche meglio!

Grazie a tutti voi per il vostro sostegno, un narratore non è niente senza il suo pubblico.

Aggiornamenti

In questa grigia domenica di Ottobre, dopo aver messo a letto le due viperette, ecco che dopo più di un mese trovo 5 minuti per scrivere qualcosa…

Ebbene, dopo 6 mesi dalla pubblicazione di Il Sigillo di Aetherea il bilancio è abbastanza positivo. Le risposte da parte di amici, parenti ed emeriti sconosciuti sono state quasi tutte positive, alcuni hanno confessato che del fantasy non gliene fregava niente, altri nemmeno l’hanno letto ma mi assicurano che è utilissimo per raddrizzare tavoli o come fermacarte.

E allora perché non riprovarci? Lo stile e il linguaggio si sono evoluti, un po’ come i miei giovani personaggi, e la fantasia è in continuo fermento, tanto che una nuova avventura della saga era già ben presente nella mia testa un anno fa. Adesso, il secondo romanzo è pronto per essere proposto per la pubblicazione, un processo lento e difficoltoso che durerà chissà quanto.

Siete curiosi di sapere come continuerà la storia? Volete qualche anticipazione? Posso soltanto dirvi che la narrazione sarà molto più movimentata del primo libro e nuove leggendarie creature popoleranno il romanzo. Vi prometto che tutte le situazioni lasciate in sospeso nel primo volume verranno affrontate e risolte, niente è stato lasciato al caso! Alcune critiche ricevute per Il Sigillo di Aetherea sono state analizzate e sfruttate per migliorare i punti deboli. Non più romanzo di formazione ma un fantasy dove non c’è spazio per il buonismo, dove la lotta per la sopravvivenza la farà da padrona…   Vi ho convinto? Queste immagine vi ricordano niente?

berserker-2berserk3

Per oggi non aggiungo altro, se non che la pagina sta crescendo ma ha bisogno del vostro supporto 😦 Ce la facciamo ad arrivare a 300 like per la fine dell’anno?

Chi ha letto Il Sigillo di Aetherea può votarlo qui e lasciare due righe di commento, sarebbe fantastico!

Grazie per la pazienza e per il vostro supporto, a presto con altre novità!

Come a scuola…

Prima di iniziare questo articolo vorrei chiedere a chi mi legge di supportare e condividere questo blog e la pagina Facebook: https://www.facebook.com/LEra-della-Luna-Rossa-Il-sigillo-di-Aetherea-743237725762608/

Forza amici/amiche, lettori/lettrici, è giunto il momento di dare un’accelerata perché con l’ultima bellissima recensione ad opera di Simona Trivisani e pubblicata nel suo blog “a me piace LEGGERE” perfino io comincio a credere di avere scritto qualcosa di decente!

Però abbiate ancora un attimo di pazienza, vorrei spiegarvi il titolo di questo articolo.

Siamo a Settembre e come il mio piccolo grande guerriero ha iniziato il secondo anno di materna, la mia principessina ha superato alla grande l’inserimento al nido! E io sono un babbo felice con una moglie e mamma eccezionale che si sbatte H24 per organizzare tutta la famiglia 🙂

E ai primi giorni di scuola mi ci sento anche io, perché nella vita non si finisce mai di imparare e rimettersi in discussione e, soprattutto a quasi quaranta anni, cambiare a 360 gradi non è per niente facile. Ebbene, dopo 6 mesi di disoccupazione e 9 mesi di nuova formazione nel campo della ricerca clinica, ecco che dal primo settembre sono ritornato a pendolare a Siena con tanto entusiasmo e voglia di fare bene! Le giornate sono mille volte più stancanti, iniziano la mattina alle 6 e 30 terminano alle 21 e 30 perché, udite udite, arriva il terzo motivo per cui mi sento come se fossi nuovamente seduto al banco di fronte a una lavagna vuota.

Già perché, vuoi per motivi di salute (analisi sballate), vuoi per salvaguardare l’apparenza (uomo di panza, uomo di sostanza) ho ricominciato la preparazione a secco (Cross-Fit con il mitico GIG) con i miei compagnucci di squadra (FIRS) con l’obiettivo di partecipare alle selezioni per la nazionale e guadagnarmi una convocazione per l’EUROPEO di RUGBY SUBACQUEO che si terrà a Budapest a luglio 2017. Purtroppo non credo che riuscirò a rispondere alla convocazione per la coppa campioni che si giocherà a Berlino il 25-27 Novembre 2016, torneo Open che accoglierà anche squadre extra-europee come USA, Venezuela, Colombia e Australia. Che ne dite? A QUARANTA anni sarebbe un bel traguardo non credete? Però la strada è lunga e costellata di sudore e fatica… non so se riuscirò a mantenere i buoni propositi per un anno intero!

E quindi, per concludere in bellezza, ecco che tra poco inizierà tutto il percorso per la pubblicazione del mio secondo romanzo ma soprattutto il banco di prova riservato dalle recensioni di blogger molto seguiti! Il sollievo che provo quando IL SIGILLO DI AETHEREA riceve recensioni come quelle di Simona (e sono già tante, tutte fantastiche e raccolte nella pagina “recensioni” di questo blog):

mercoledì 14 settembre 2016

Il sigillo di Aetherea – di Pietro Ferruzzi

oggi vi parlerò del lavoro di un esordiente che mi è molto piaciuto.
ho letto velocemente questo libro e la storia mi ha molto appassionata.
si tratta di un classico fantasy, dal sapore genuino, la scrittura chiara e fluida e un buon ritmo.
la storia ha una giusta dose di azione, anche se inizia un po’ lento, e ci sono molti personaggi, (cosa che personalmente non amo molto..gusti personali) ma lo scandire delle vicende è chiaro, quindi è discretamente facile stargli dietro.
ho trovato che i dialoghi siano abbastanza verosimili e con la giusta dose di ironia.
voi mi chiederete: cosa significa “abbastanza verosimili”? significa che i protagonisti non parlano in maniera troppo composta, troppo impostata, sono conversazioni che una qualunque persona può intraprendere con chiunque.
ho trovato fantastica l’ambientazione della foresta, le descrizioni non sono troppo piene di fronzoli e sono ben dosate, cosa che lascia spazio all’immaginazione del lettore.
la trama è originale e ben sviluppata, il libro scorre facilmente e la lettura non risulta mai noiosa.
è raro trovare un uomo che esprima così tanta fantasia, di solito i migliori romanzi fantasy sono scritti da donne, ma devo davvero fare i complimenti a questo autore che non ha niente da invidiare alle colleghe!
un bel libro, che lascia il lettore soddisfatto dell’avventura appena vissuta!
ovviamente non posso che consigliarne la lettura!
complimenti Pietro, complimenti davvero, sei riuscito a catturare il mio interesse di lettrice!

 

Ci sono ricascato!

Ahi ahi ahi… Ebbene sì, ci sono ricascato! Che significa? Abbiate un momento di pazienza e ve lo spiego, prima però necessito di una “Banata”! Dicesi Banata, quell’esplosione di frasi, parole e sentimenti che prendono corpo in un discorso che parte da un argomento preciso e non si sa bene dove andrà a  finire, così di getto, senza nemmeno prendere fiato! Può essere divertente, logorroico, senza senso o noioso: Banata!

Quindi, tra eventi disastrosi che hanno monopolizzato (giustamente) i social come la tragedia del terremoto nel centro Italia (che mi ha tolto la voglia di scrivere su argomenti superficiali come quelli di questo blog), passando per la campagna pro-fertilità (non commento perché ci vorrebbe un intero blog dedicato…), la “geniale” vignetta satirica sul terremoto che lascia davvero l’amaro in  bocca e tutti gli altri problemi che ci circondano quotidianamente, insomma, tra tutti questi eventi volevo rubare un minuto del vostro tempo per raccontarvi i fatti miei! Ragazzi qui è roba grossa, tenetevi forte e soprattutto non mi menate, ma ci sono delle grosse novità!

Intanto, giusto per addolcirvi la pillola, ecco che è uscita da poco un’altra recensione dal blog Sole & Luna che mi ha commosso (ma allora forse so scrivere davvero? Riesco a trasmettere delle emozioni? Non potete capire la gioia…). Poi, per cambiare completamente argomento, da ieri di nuovo pendolare in quel di Siena, un’occasione strepitosa a cui non ho potuto rinunciare. Al tempo stesso, mi lascio alle spalle un gruppo fantastico (Centro Studi ANMCO e tutti i vari collaboratori) che mi ha accolto, coccolato, supportato e sopportato in questi ultimi nove mesi dandomi la possibilità di crescere umanamente e professionalmente. E’ solo grazie all’opportunità e alle competenze dei miei ormai ex colleghi se ho potuto ricominciare una nuova carriera in una grande multinazionale! Grazie di cuore…

E dopo questa dovuta lacrimuccia con cui saluto calorosamente il Centro Studi ANMCO, la Diabetologia di Torregalli e la Cardiologia dell’Ospedale San Giuseppe di Empoli più tutti gli study coordinator, infermieri e dottori con cui ho condiviso questa fugace ma intensa esperienza, ecco che arriva la notizia che tutti voi stavate aspettando…

Rullo di tamburi… vi prego non strappatevi i capelli e non subissatemi di messaggi, ma… non ci posso credere lo sto per dire…

Sicuri che volete continuare a leggere?

Ebbene sì, è accaduto, forse vi stavate chiedendo che fine avessero fatto alcuni personaggi incontrati nel romanzo “Il Sigillo di Aetherea?” Dite la verità, non riuscivate a dormire per la curiosità? Ecco allora una brevissima descrizione del “sequel”, ma giusto due righe…

Ambientato venti anni dopo, siamo pronti con una nuova avventura (mica posso spoilerare il primo libro!), una storia che si spinge ai confini del mondo conosciuto, che coinvolge creature leggendarie, grandiose battaglie e tanti, forse troppi, colpi di scena! Il Sigillo di Aetherea mi ha fatto crescere come autore e questo nuovo libro sarà meno di formazione e più… TUTTO!

Contenti? Bene, adesso dovrete aspettare un anno o due prima che esca, perché col nuovo lavoro non avrò molto tempo per riguardarlo e purtroppo, mi sa che la mia casa editrice Campanila non ha la possibilità di seguire questo nuovo progetto e quindi dovrò ricominciare tutto da capo 😦 E allora forza e coraggio per trovare una buona Casa Editrice o un progetto editoriale interessante (se avete conoscenze a me non fanno schifo eh eh eh), fare editing etc etc. e speriamo che anche questo romanzo venga apprezzato come il primo!

PS la buona notizia è che saranno almeno 200 pagine in meno 🙂